BREDA E TRENI HVBHK IHLK JHLIJ JIOòJK «Ansaldo faccia presto a consegnare i treni regionali» Polemico Moretti: «È inutile prendere gli ordini se poi non vengono fuori». I disagi dei pendolari nei giorni delle grandi nevicate? «Complessivamente abbiamo retto bene»

di O.Sab. Firenze Osabato@Unita.It

Trenitalia continua ad aspettare da Ansaldo Breda la consegna di una «importante commessa» nell'ambito del trasporto regionale della Toscana. A ricordarlo è l'amministratore delegato di Ferrovie, Mauro Moretti, a margine dell'inaugurazione di una nuova sala nella stazione Santa Maria Novella di Firenze. Su questo ritardo, Moretti ha speso parole polemiche: «Abbiamo bisogno che Ansaldo Breda faccia presto a darci i treni, perché è inutile prendere gli ordini, se poi non vengono fuori». Quanto ad altri acquisti, Moretti ha spiegato che «verificheremo sul mercato, anche europeo, per accelerare la possibilità di avere treni, ma da questo punto di vista il mercato non è ricchissimo». Nelle settimane del grande freddo non sono mancate le denunce e le accuse dei comitati dei pendolari del Valdarno e del Mugello, costantemente hanno sottolineato le cattive condizioni in cui sono costretti a viaggiare, con treni vecchi e quasi mai in orario. Un quadro che trova poco d'accordo Moretti. «Complessivamente, al di là di alcuni episodi che hanno creato disagi ai passeggeri, abbiamo retto abbastanza bene» replica Mauro Moretti «i problemi che abbiamo sono concentrati su Firenze, più l'operazione legata a Livorno con l'allacciamento dei binari livornesi alla rete fondamentale, la congiunzione con l'interporto e naturalmente i problemi che abbiamo, a partire dalla riqualificazione delle linea per Lucca, la seconda linea per poter arrivare con un secondo binario a Montecatini». Moretti ricora i buoni risultati raggiunti con i treni veloci regionali. «Il cambio del clima ha mutato completamente la nostra concezione di dove doversi difendere dal ghiaccio e dalla neve. Prima era sugli Appennini, ora anche al di sotto». Problemi nuovi, dunque, aggravati dal clima umido: «qua non siamo nel Nord Europa, se la temperatura va dl si dotto dello zero, da noi ci sono molti più problemi», ha spiegato Moretti. Ma, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, «abbiamo già avuto molti meno problemi», ha concluso l'ad di Ferrovie. Nei giorni scorsi il presidente toscano Enrico Rossi e l'assessore Luca Ceccobao hanno fatto presente all'Ad Moretti e a quello di Trenitalia Soprano, l'insostenibilità di una situazione nella quale i contratti stabiliscono impegni finalizzati a garantire forti miglioramenti del servizio che invece nei fatti vengono disattesi. Anche su questo punto, Ferrovie si sono impegnate a presentare, entro un mese, un cronoprogramma preciso delle forniture dei nuovi locomotori e vagoni allo scopo di rispettare gli impegni assunti entro il 2014. Il piano di investimenti. «Questi 350 milioni di investimenti su nuovi treni (250 entro il 2014 per i treni elettrici, circa 100 per i diesel nei prossimi dieci anni) - conclude Enrico Rossi - potranno davvero cambiare lo stato delle nostro trasporto ferroviario regionale. A questo si aggiungono gli interventi programmati per il miglioramento della rete, a partire dell'eliminazione dei passaggi a livello sulla Firenze, Pistoia, Viareggio ed altri interventi di modernizzazione, tra cui quello fondamentale della nuova stazione dell'alta velocita' che consentirà ai treni regionali di accedere piu' facilmente alla stazione di SM Novella».

21 February 2012 pubblicato nell'edizione di Firenze (pagina 3)